Sign in to your account MySDAM

LOGIN

Already have an account? Log In.

stay connected



or :      

Forgot your password? Click here to recover.

Registration

Do not have an account? Sign up for free.

Exit to the site

  • This page is not available in the language English




Firstbeat Technologies è un'azienda specializzata nello sviluppare software per l'analisi della frequenza e della variabilità cardiaca.

Le soluzioni Firstbeat sono particolarmente indicate per monitorare la condizione fisica, per ottimizzare gli allenamenti evitando sovrallenamento o sottoallenamento, per valutare situazioni di stress o di recupero fisico non ottimale, per aiutare a prevenire particolari patologie.
Sono strumenti estremamente professionali, particolarmente indicati per la loro facilità d'uso e la loro ricchezza di informazioni sia per realtà sportive di alto livello sia per lo sportivo amatoriale.

I software Firstbeat sono infatti adatti a società sportive professionistiche, a centri di ricerca, a istituti di prevenzione della salute, a palestre e centri fitness, a singoli atleti.

Firstbeat Technologies
è situata nel centro della Finlandia ad Jyväskylä, città nota come il principale centro finlandese di ricerca legata allo sport. L'Università di Jyväskylä e altri istituti di ricerca si dedicano a studi in ambito sportivo da decenni.
Firstbeat è stata fondata nel 2002 come spin-off dedicato alla Ricerca e Sviluppo del KIHU, l'Istituto di Ricerca per gli Sport Olimpici, anch'esso situato a Jyväskylä.


L'importanza della variabilità cardiaca

La variabilità cardiaca è il fenomeno fisiologico di continua oscillazione del periodo cardiaco (distanza temporale che intercorre tra due battiti consecutivi).

Ad esempio: se ho 60 battiti al minuto, non passa esattamente un secondo tra ogni battito e quello successivo: talvolta sarà un secondo e qualche millesimo, talvolta un secondo meno qualche millesimo.


Una buona variabilità cardiaca è indice di buona condizione fisica
. Un atleta ben allenato presenta di solito un’elevata variabilità cardiaca, che corrisponde a un buon grado di adattabilità agli stimoli derivanti dello sforzo fisico.

EPOC e Training Effect

I software Firstbeat analizzano la variabilità cardiaca e, mediante una serie di algoritmi, calcolano alcuni parametri estremamente significativi: frequenza respiratoria, consumo di ossigeno (VO2), consumo energetico e soprattutto un indice denominato EPOC, ecc.

L'EPOC, l'eccesso di consumo di ossigeno post-esercizio (Excess Post-Exercise Oxygen Consumption) varia proporzionalmente all’intensità ed alla durata dello sforzo fisico: tanto più l’allenamento è impegnativo ed intenso, tanto più il valore dell’EPOC sarà elevato.

Il software Firstbeat traduce automaticamente il valore dell’EPOC in “Training Effect”, che possiamo considerare come il livello di efficacia di un allenamento.

Il Training Effect si misura su una scala da 1 a 5 e determina la valenza di un allenamento sulla base della condizione fisica della persona: lo stesso allenamento avrà quindi un training effect diverso per un sedentario rispetto ad un atleta che si allena quotidianamente.


Per approfondire gli aspetti legati agli studi e alle ricerche condotte da Firstbeat, leggi qui o consulta gli "white papers" sul sito Firstbeat.